Risparmiare (felicemente) con il minimalismo: i 4 punti cardinali da seguire

di | 21 Marzo 2022

Come risparmiare con il minimalismo 

Anche tu vuoi risparmiare, ma non ne puoi più dei soliti consigli spicci tipo “coltiva i broccoli sul balcone”,
“tira l’acqua ogni 4 volte che fai pipì”e “taglia le fettine di carne più sottili?

Beh, ti capiamo benissimo!

Perché anche noi non ne possiamo più di questi consigli “fai da te” che ti fanno risparmiare solo pochi euro…
e soprattutto, ti fanno vivere davvero male, perché abbassano vertiginosamente la tua qualità di vita e magari non vanno bene per te.

Ecco perché in questo articolo non troverai nessuno di questi metodi farlocchi che ti fanno risparmiare (poco) a scapito della tua qualità di vita.

Infatti abbiamo raccolto qui le 4 strategie più efficaci e testate (più una strategia Bonus alla fine) per risparmiare con il minimalismo, senza rinunciare a tutte le cose che per te sono importanti e arricchiscono la tua vita.

Ecco, diciamo che queste 4 strategie funzionano davvero perché sono un po’ come i 4 punti cardinali su una bussola.
Tu sei il centro, loro ti indicano semplicemente la direzione più giusta da seguire per arrivare al tuo tesoro.

 

Ma prima… perché i soliti metodi spicci per risparmiare non funzionano

Alcuni metodi tipo “non bere mai il caffè al bar”, “tira l’acqua ogni 3 volte che fai pipì ”ecc. possono anche aiutarti a risparmiare, per carità.
Insomma, se non fai mai colazione al bar sicuramente risparmi qualche euro…

Ma diciamocelo: non sono sicuramente questi spiccioli risparmiati che ti cambiano la vita.

E soprattutto: se segui questi consigli, per risparmiare qualche misero euro finisci per privarti di qualsiasi piccola gioia che arricchisce le tue giornate, tipo fare quattro chiacchiere al bar con i colleghi mentre sorseggi un ottimo caffè.

Ecco, per capire davvero come mai questi metodi spicci non funzionano bene per risparmiare, immaginati un secchio pieno di acqua con dei buchi.

L’acqua sono i tuoi soldi duramente guadagnati, i buchi sono le tue spese.

Alcuni di questi buchi sono solo dei piccoli forellini che sgocciolano.
Queste sono le piccole spese, tipo il caffè al bar.

Ma altri buchi sono molto più grossi, e fanno perdere molta più acqua…
Queste sono le spese più grosse, ad esempio il mutuo o le rate della macchina.

Ecco.

Se vuoi bloccare la perdita (e quindi risparmiare davvero), ovviamente ti conviene partire tappando i buchi più grossi (cioè risparmiando sulle spese più grandi).

Ecco perché, se vuoi risparmiare davvero, non ha alcun senso fare qualche piccolo taglio sulle piccole spese, ma devi concentrarti sulle spese grosse.
Vediamo quali sono.


Risparmia sulle spese più grosse

Secondo l’istituto ufficiale dell’Unione Europea (Eurostat), queste sono le cose per cui gli italiani spendono i loro soldi:

Te li rimetto sotto forma di elenco:

1. Casa (include il costo dell’affitto o del mutuo, le bollette, l’arredamento)
2. Trasporto (include il costo del veicolo, il carburante, l’assicurazione)
3. Cibo (include il costo della spesa e i pasti che fai fuori, ad esempio vai al ristorante o fai colazione al bar)
4. Tutto il resto (include le spese per l’istruzione dei figli, i vestiti, gli hobby, le vacanze…)

Ecco.
Il segreto per risparmiare davvero con il minimalismo è proprio concentrarsi sulle grandi spese.
Infatti, fare qualche piccolo miglioramento sulle piccole spese non sarà mai efficace quanto fare pochi cambiamenti principali sulle spese grandi.

Ecco quindi le 4 migliori strategie per risparmiare davvero un sacco di soldi, ma senza abbassare la tua qualità di vita e senza rinunciare alle cose che sono davvero importanti per te:


Ecco come risparmiare davvero con il minimalismo: i 4 punti cardinali da seguire

1. Rendi il lusso temporaneo

Come hai appena visto, la casa e la macchina sono le cose per cui gli italiani spendono (e si indebitano) di più.

Eppure, anche se spendiamo sempre di più per macchine sempre più grandi e per case sempre più lussuose, siamo sempre più depressi e insoddisfatti.

Ma com’è possibile?

Beh, la risposta è molto semplice: è colpa dell’adattamento edonistico.

In poche parole, l’adattamento edonistico è la naturale tendenza delle persone a tornare ad un certo livello di felicità, nonostante gli alti e bassi della vita.

Insomma: sia che ti succeda qualcosa di bello o di brutto, dopo un po’ torni sempre ad un certo “livello” di felicità.

Questo è esattamente quello che succede quando compri qualcosa di nuovo: più passa il tempo, più ti ci abitui, e quella cosa perde il suo fascino.

Gli studi infatti hanno dimostrato che la gioia che provi con un nuovo acquisto dura davvero poco (anche solo poche ore)… e questo a prescindere da quanto hai speso!

Ecco perché non ha alcun senso spendere 50.000 € in un colpo solo per comprare una macchina premium price: perché così avrai solo un picco di felicità, e poi tornerai al punto di partenza.

Quindi è molto più furbo sfruttare l’adattamento edonistico a tuo vantaggio, in questo modo:
concediti qualche lusso più piccolo ma molto più spesso, così avrai molti più picchi di felicità.

Ecco, questo è il primo segreto che ti permette non solo di risparmiare, ma soprattutto di aumentare il tuo livello di felicità:
per gli acquisti importanti (casa, macchina…) compra qualcosa di comodo e pratico, adatto alle tue esigenze, ma che non ti costi un qualche organo vitale…

e usa tutti i soldi risparmiati per concederti dei lussi temporanei ma frequenti, tipo una vacanza in una fantastica isolo tropicale o una cena con gli amici in un ottimo ristorante.

In poche parole:

non spendere tutti i tuoi soldi in un colpo solo per comprare un oggetto, ma spendili più spesso per comprare delle esperienze.


2. Trova un passatempo che ti appassiona

Hai presente quando torni a casa dopo una giornata super stressante, e hai voglia di comprare qualcosa di bello per ricompensarti di tutta la tua fatica (anche se in realtà non ti servirebbe niente)?

Ecco.

Spesso lo shopping è un modo molto comodo per sfogare lo stress, o magari per riempire il tempo in un noioso sabato di pioggia.

E questo è assolutamente normale, è così per tutti.
insomma: se sei frustrato o annoiato, comprare qualcosa di nuovo è una soluzione comoda per avere subito un picco di felicità.

Ma in questo caso la soluzione per risparmiare con il minimalismo non è chiudersi in casa e bruciare la carta di credito…
perché se fai così (anche se riesci a risparmiare) te la vivi male, perché senti che ti stai privando di qualcosa che (anche se per poco) ti darebbe un piccolo picco di felicità.

Ecco, la soluzione per risparmiare davvero (ed esser felice di farlo!) è semplicemente cambiare approccio.

Quindi, trova un hobby che ti appassiona e ti fa sentire realizzato.

Può essere quello che vuoi: leggere, dipingere, scrivere il tuo libro, fare yoga, sferruzzare all’uncinetto…

Appena inizi a dedicare il tuo tempo e le tue energie a qualcosa che ti fa sentire bene, vedrai che non sentirai più il bisogno di comprare roba a caso per sfogarti o riempire il tempo.

E magari, come simpatico effetto collaterale, riesci pure a vendere le tue sciarpe fatte a mano e guadagnare qualche soldo 😉

Ma attenzione: lo scopo non è trovare una passione da usare come secondo lavoro e guadagnare dei soldi extra.

Lo scopo è semplicemente investire il tuo tempo e le tue energie per un hobby che ti piace e ti dà gioia.

Perché se sei felice con te stesso, non hai più la tentazione di cercare la felicità negli oggetti.


3. Paga prima te stesso

Questa perla di saggezza arriva direttamente da Warren Buffet, uno degli uomini più ricchi del mondo e il più grande investitore di tutti i tempi:

“Non risparmiare ciò che ti rimane dopo aver speso, ma spendi ciò che ti rimane dopo aver risparmiato.”

Perché in pratica, nel mondo normale, le persone ricevono lo stipendio, pagano l’affitto, le bollette, le loro spese, comprano cose e poi forse, se avanza qualcosa, risparmiano.
grafico:

risparmiare minimalismo 1
Ma se vuoi risparmiare davvero, devi fare l’opposto, cioè devi invertire il flusso.
risparmiare minimalismo 2

Quindi, appena arriva lo stipendio, metti subito via una parte dei tuoi soldi, almeno il 10%.

Questi soldi ti conviene spostarli subito su un “conto risparmio” (cioè un normale conto che hai creato apposta per i tuoi risparmi.)
In questo modo questi soldi saranno “lontano dagli occhi, lontano dal cuore” e non avrai la tentazione di spenderli.

Dopo che hai messo via questo 10%, puoi usare i soldi che ti restano per pagare i conti, le bollette e tutto il resto.

Tutto quello che ti avanza dopo queste spese necessarie, puoi spenderlo tranquillamente come preferisci.


4. Controlla le spese

Ok, lo ammetto: fare il budget non è proprio uno dei modi più divertenti per passare la serata, è vero.

Eppure, vale la pena spenderci un po’ di tempo, perché il budget ti aiuta moltissimo a capire dove finiscono i tuoi soldi.

Spesso infatti è difficile risparmiare perché non ti rendi davvero conto di quanto spendi, e non sai esattamente dove finiscono i tuoi soldi.

Per fortuna, a questo si rimedia facilmente.

Segnai tutte le spese che fai con un’app o un foglio excel, o semplicemente pagando sempre con la carta di credito o il bancomat.

In questo modo, puoi vedere subito quanto spendi, e dove spendi di più.

E dopo che hai visto esattamente dove finiscono i tuoi soldi, puoi valutare se ci sono delle spese che puoi tagliare, perché non ti danno abbastanza gioia.

Per farti un esempio.
Pagando sempre col bancomat mi sono accorta che spendevo una marea di soldi per il cibo, perché lavorando in città andavo sempre a pranzo fuori.
Ma andare a pranzo con i colleghi sinceramente non è che mi dava molta gioia… anzi, spesso avrei preferito mangiare per i fatti miei in compagnia di un buon libro.

Così ho deciso di tagliare una parte di questi pranzi al ristorante, e di portarmi dietro qualcosa da casa.

La cosa importante, però, non è tagliare delle spese a caso per risparmiare qualche centesimo.

Lo scopo è tagliare solo le spese che non ti danno gioia, per avere più soldi per le cose che sono davvero importanti per te.

Ecco perché c’è anche un punto extra che può aiutarti a risparmiare con il minimalismo.. e soprattutto, a risparmiare con gioia… ed è questo:

ricorda la tua motivazione.


Punto bonus: ricorda la tua motivazione

Spesso le persone non riescono a risparmiare perché vedono il risparmio come una cosa negativa.

Quando risparmiano, cioè, pensano a tutte quelle cose a cui stanno rinunciando, tipo una macchina premium price o l’ultima borsetta griffata dello stilista di turno…

E se la vedi così risparmiare è molto difficile.

Ma questo è il modo sbagliato di vedere la cosa.

Perché lo scopo non è risparmiare per il gusto di risparmiare, e nuotare nei soldi risparmiati come zio Paperone.

Lo scopo è risparmiare su qualcosa che non arricchisce davvero la tua vita, per investire di più per quelle cose che sono davvero importanti per te.

Quindi, chiediti sempre:

per cosa stai risparmiando?
Per cosa vuoi usare questi soldi?
Qual è il tuo obiettivo?

Per comprare la casa dei tuoi sogni e trasferirti in campagna?
Per andare in pensione anticipata?
Per mandare i tuoi figli in un’università prestigiosa, magari all’estero?
Per prenderti un anno sabbatico e fare il giro del mondo in barca a vela?

Diventa molto più facile rinunciare a qualcosa oggi, se sai che domani otterrai qualcosa a cui tieni molto di più, tipo raggiungere i tuoi obiettivi di vita.

Ecco perché devi avere ben chiaro il tuo obiettivo finale.

Così, ogni volta che hai la tentazione di spendere dei soldi, chiediti se quei soldi ti stanno davvero comprando una cosa che ti dà gioia, o se quei soldi ti servono di più per raggiungere il tuo obiettivo futuro.

In parole povere, chiediti:
sono più felice adesso, comprando questa cosa, o sarò più felice quando userò questi soldi per realizzare i miei sogni?

Questo tipo di ragionamento ti fa fare uno switch mentale.

In pratica passi dalla mentalità della “felicità istantanea” (tipica della società consumista) alla “felicità a lungo termine” tipica dei risparmiatori.

***

Ecco, queste sono le migliori strategie per risparmiare con il minimalismo.

Ma il minimalismo non ti aiuta solo a risparmiare e spendere meglio i tuoi soldi.

Il minimalismo ti aiuta in tutti gli ambiti della tua vita, per vivere una vita più semplice, felice e consapevole.

In questo modo puoi avere più soldi, più tempo e più energie da dedicare alle cose che sono davvero importanti per te.

Noi siamo fermamente convinti che il minimalismo sia il modo migliore per vivere una vita meno stressante, più felice e più consapevole.

E proprio per questo motivo abbiamo creato il progetto “Minimalista in 30 giorni con il metodo del minimalismo a colori”, l’unico percorso in Italia che ti prende per mano e ti porta passo passo ad applicare il minimalismo in ogni ambito della tua vita.

Noi ci abbiamo messo anni a diventare minimalisti.
Tu ci puoi mettere solo 30 giorni.

clicca qui per iniziare subito al percorso
oppure clicca qui per avere più informazioni

P.s. vogliamo davvero aiutarti a migliorare la tua vita con il minimalismo. Ecco perché abbiamo voluto inserire una garanzia soddisfatto o rimborsato al 100%.
Puoi provare tutti il percorso, e se alla fine non sei soddisfatto per qualsiasi motivo, ti rimborsiamo completamente.

clicca qui per iniziare subito al percorso
oppure clicca qui per avere più informazioni

Memento mori
Ste e Vale
I ribelli del Minimalismo

***

Se non sei felice oggi, non c’è niente che puoi comprare questo weekend che possa cambiare la situazione (J. Becker)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per saperne di più


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *