Riordinare riduce lo stress (lo dice la scienza). Ecco 5 consigli utili per riordinare meglio di Mary Poppins

di | 10 Maggio 2021

Perché mai riordinare dovrebbe ridurre lo stress? 

Che lo stress fa male al tuo umore e alla tua salute si sapeva già, niente di nuovo.

E si sapeva anche che gran parte di questo stress deriva dal lavoro: la sveglia all’alba, il capo, gli straordinari, il capo, le scadenze impossibili, il capo, il computer che si impalla, il capo, il capo, il capo…

E così, quando torni a casa, pensi di rifugiarti in un posto tranquillo, una tana al riparo dal mondo caotico… ma purtroppo non è assolutamente così.

Infatti un recente studio dell’Università di Princeton ha scoperto che anche la tua casa è una gigantesca fonte di stress.


Il disordine ti causa stress

Questo studio infatti ha dimostrato che vivere in un appartamento disordinato e pieno di roba aumenta la produzione di cortisolo, l’ormone responsabile dello stress.

Ma com’è possibile?

È presto detto.

Questo succede perché tutti gli oggetti che ti circondano creano degli stimoli visivi che attirano l’attenzione del tuo cervello... proprio come un drappo rosso che attira l’attenzione di un toro.

E così più stimoli visivi (= oggetti) hai in giro per casa, più il tuo cervello (già completamente spompato dopo 8 ore di lavoro) deve fare gli straordinari per elaborare tutti quegli stimoli…

Insomma, tutti gli oggetti che hai in giro per casa bombardano il tuo cervello a tutto spiano (un po’ come i nazisti bombardavano Londra) e dopo una giornata di intenso lavoro tutti questi stimoli mandano il tuo povero cervello letteralmente in tilt

E la cosa pazzesca è che il disordine ha un impatto negativo sul tuo cervello anche quando il disordine non lo vedi nemmeno…

Infatti un altro studio ha dimostrato che avere molti oggetti nella stanza impatta negativamente anche sulla qualità del tuo sonno.


Per eliminare lo stress devi risolvere il problema alla radice

Ecco perché quando arrivi a casa non riesci a staccare del tutto la spina e a rilassarti, anche se ti senti completamente spremuto come un limone.

Perché anche se te ne stai svaccato sul divano e fai qualcosa di rilassante (tipo leggere un buon libro con una tisana o ascoltare un pezzo della tua band preferita), in realtà se ti trovi in una stanza disordinata, il tuo cervello sta lavorando come un pazzo per elaborare tutti gli stimoli che riceve…..

…..mentre tu ti anneghi nella tisana al finocchio alpino cercando inutilmente di rilassarti.

E certo, un buon libro e un bagno caldo non sono certo inutili, anzi: ti aiutano sicuramente ad abbassare il livello di stress…

Ma il problema è che tutte queste cose rilassanti sono solo dei palliativi: ti danno un piccolo sollievo nell’immediato, ma non ti risolvono il problema alla radice…

Ecco perché per neutralizzare lo stress è importante riordinare e risolvere il problema all’origine, eliminando il disordine una volta per tutte.


ADD_THIS_TEXT



Ecco come riordinare meglio di Mary Poppins

Il modo più efficace per eliminare il disordine e lo stress che ne deriva è fare un bel decluttering e sbarazzarti per sempre di tutta la roba inutile che hai in giro per casa.

In questo articolo abbiamo spiegato step by step il nostro metodo preferito per fare decluttering (e quelli che invece non funzionano), ma se non sei ancora pronto a fare decluttering o semplicemente non ne hai il tempo, ecco qui 5 consigli per riordinare casa così velocemente da far invidia anche a Mary Poppins:

 

1) Compra di meno

Comprare meno roba ti aiuta a risolvere il problema all’origine.

Perché meno roba hai che vaga in giro per casa, meno roba hai da pulire, riordinare, sistemare e organizzare 😉

Ogni volta che stai per comprare qualcosa, valuta bene se ti serve davvero o se è solo un impulso del momento.
Chiediti se quella cosa ti serve e ti dà gioia… insomma, se ti sta semplificando e arricchendo la vita.

Spesso compri qualcosa con le migliori intenzioni di usarla, ma poi in realtà scopri che dopotutto non ti serviva così tanto e la roba finisce rapidamente abbandonata sul fondo dell’armadio, praticamente come nuova (il mio cavalletto per riparare la bici usato una volta sola ne sa qualcosa… ma ora si gode una nuova vita a casa di qualcuno che lo sfrutta di più 😉)

 

2) Elimina le cose un po’ alla volta

Di solito le nostre case sono piene di cose che non usiamo, ma che conserviamo perché “non si sa mai” “ma metti che poi un giorno mi serve”…

… il problema è che poi quel giorno non arriva mai, ma intanto tutta quella roba ti causa stress, anche se non la usi.

Se non usi una cosa da parecchio tempo, probabilmente non la userai neanche in futuro.
Ecco, inizia ad eliminare queste cose.

Non serve che le butti via, puoi venderle o donarle in beneficenze per dare loro una nuova vita con qualcuno che le sfrutterà di più.


3) Trova un posto per ogni cosa (e rimetticela dopo che l’hai usata!)

Il nuovo motto è “un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto”.

Spesso la causa del disordine non è solo la troppa roba che c’è in giro, ma proprio il fatto che questa roba è…. in giro.
Cioè non ha un suo posto preciso dove stare… e così finisce a vagare per la casa come le balle di fieno nei film western.

E così anche se ti accorgi che c’è disordine, non riesci del tutto a riordinare, perché quella roba non sai dove accidenti metterla e allora la lasci lì, abbandonata al suo triste destino.

Lo scopo è trovare un posto preciso per ogni cosa, e rimettere subito le cose al loro posto dopo che le hai usate.


4) Crea una scatola per la roba “in sospeso”

Se non riesci subito a trovare un posto a tutto, non ti preoccupare.
Crea una scatola o un cassetto per gli oggetti “in sospeso”, e buttaci dentro tutta la roba che non sai dove mettere.

Poi, ogni volta che usi un oggetto della scatola, non rimetterlo dentro dopo che l’hai usato, ma trovagli un posto definitivo.

È più facile quando ragioni su un singolo oggetto alla volta, invece di chiederti “e tutta questa roba dove la metto?!”

La cosa importante è far sparire più oggetti possibile, per neutralizzare gli stimoli visivi che mandano in pappa il tuo cervello.

 

5) chiedi aiuto alla tua famiglia 

Se condividi la tua casa con la famiglia o il partner, non basta che sia tu a sistemare e a tenere in ordine… altrimenti ti stressi il doppio a correre dietro agli altri per mettere in ordine le loro cose!

Ecco perché è importante confrontarsi con le persone che ti sono vicine e aiutarle a capire quanto è importate per te avere la casa ordinata.

Sicuramente anche loro vogliono aiutarti a tenere la casa in ordine, e forse quello che li blocca è semplicemente che non sanno dove mettere le cose.


Gli altri modi per eliminare lo stress

Ecco, riordinare è il primo grandissimo passo che puoi fare per eliminare lo stress.
E se riesci a crearti una tana confortevole e rilassante per tenere fuori il mondo caotico, stressante e consumista, sei già ad un ottimo punto.

Ma lo stress non deriva solo dalla tua casa, ma anche dagli altri ambiti della tua vita: dal lavoro che non ti soddisfa, dalle relazioni tossiche e dai mille impegni che affollano la tua agenda…

È proprio per questo motivo che abbiamo creato la guida “7 modi per semplificare la tua vita con il minimalismo a colori”, dove puoi scoprire come usare il minimalismo per semplificare tutti gli altri ambiti della tua vita, e non solo la tua casa.

Clicca qui per scaricare la guida gratuita e inizia subito a semplificare la tua vita per vivere meno stressato e più felice (parola di Mary Poppins! ;))

Memento mori
Mr. e Mrs. T-Rex
I ribelli del Minimalismo

***

La vita vera comincia dopo aver riordinato
(Marie Kondo)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per iniziare il percorso


 


Fonti:

  • https://paw.princeton.edu/article/psychology-your-attention-please
  • https://www.stlawu.edu/news/student-faculty-sleep-research-published-presented

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *