I SOLDI fanno la FELICITÀ? Ecco la VERITÀ che NESSUNO TI DIRÀ MAI

di | 13 Ottobre 2020

Ma i soldi fanno la felicità?
Se avessi più soldi, saresti più felice?


I soldi ti rendono una persona migliore 

Forse anche tu pensi che i soldi fanno la felicità.

Diciamocelo: ci sono un sacco di cose che sono in vendita a questo mondo.

Se hai i soldi puoi comprare una casa grande e comoda, una bella macchina, una scuola privata per i tuoi figli, cibi più sani, cure mediche all’avanguardia, assistenza per i genitori anziani ecc.

E se puoi avere tutte queste cose, di sicuro la tua vita è più comoda.

Puoi fare subito le visite mediche in privato invece di aspettare i tempi biblici della sanità pubblica.
Puoi mandare i tuoi figli nell’Università che desiderano, magari all’estero, invece che in quella pubblica vicino a casa.

E non solo.

Se hai abbastanza soldi, ti puoi permettere il famoso “fuck you money”.
Cioè: se hai abbastanza soldi, non hai bisogno di nessuno.

Se il tuo capo ti rompe le balle o inizia a darti dei progetti che ti fanno schifo o ti fa mobbing, puoi mandarlo allegramente a fanculo e cercare qualcosa di meglio, perché hai dei soldi da parte e non hai bisogno dello stipendio per arrivare a fine mese.

I soldi ti comprano la libertà.

Libertà di andare dove vuoi, libertà di lavorare dove vuoi, libertà di fare quello che vuoi, libertà di aiutare chi vuoi.

“I soldi non vi comprano solo una vita migliore, cibo migliore, macchine migliori, fiche migliori. Vi rendono anche una persona migliore. Potete essere generosi con la chiesa, o con il partito politico che preferite, potete anche salvare quel cazzo di gufo maculato.”

(Jordan Belfort in The Wolf of Wall Street)


Il legame tra ricchezza e felicità 

Forse sarai sorpreso, ma ci sono degli studi che si sono occupati del legame tra ricchezza e felicità……
e hanno dimostrato che i soldi fanno la felicità.

Dei ricercatori tedeschi hanno studiato le persone più ricche della Germania (l’1,5% della popolazione) e hanno scoperto che queste persone hanno una “felicità percepita” molto più alta del resto della popolazione (cioè del restante 98,5% degli abitanti).

Il premio Nobel Daniel Kahneman ha dimostrato che la mancanza di soldi causa emozioni negative.
In pratica, per le persone povere, la mancanza di soldi causa delle emozioni negative simili al divorzio, alla malattia o alla solitudine.

Immagina lo stress che hai se la banca ti alita sul collo per ripagare le rate delle macchina, ma tu hai perso il lavoro, tua moglie è malata e il bambino ha bisogno dell’apparecchio ai denti…
O di non avere neanche i soldi per mettere assieme il pranzo con la cena e dover andare alla Caritas a elemosinare un piatto di pasta.

Bella vita di merda.


Più sei ricco, più sei felice? 

Se sei davvero povero, avere 0 € o 1.000 € fa una grandissima differenza.

Se trovi improvvisamente un lavoro che ti da 1.000 € al mese ti puoi comprare del cibo, dei vestiti e un tetto sopra la testa.
Mille euro ti fanno la differenza.

Ma se sei un medico e guadagni già 7.000 € al mese e ti danno una promozione di 1.000 €, la tua vita non cambia un granché.
Certo, forse ti compri la moto nuova o regali l’ennesimo diamante a tua moglie, ma 1.000 € in più al mese non ti cambiano la vita.

Se puoi sei Warren Buffet e hai un patrimonio di 70 miliardi di Euro, un aumento di 1.000 € non ti sfiora nemmeno.

Questa si chiama “utilità decrescente”: cioè, ogni Euro che aggiungi ti dà sempre meno piacere.
Se passi da 1.000 a 2.000 € al mese la tua qualità di vita cambia moltissimo.
Ma se passi da 10.000 a 11.000 non ti cambia un granché.

Questo vale in generale anche per altre cose. Se sei a dieta e ti concedi un cioccolatino, te ne gusti ogni grammo.
Ma più cioccolatini mangi, più questo piacere diminuisce, e al centesimo cioccolatino ormai l’effetto è svanito.


I soldi sono come i cioccolatini.

La felicità quindi cresce moltissimo all’inizio, ma poi pian piano sempre di meno.

In poche parole: se sei povero, avere più soldi ti rende molto felice, se hai già molti soldi, averne ancora di più ti rende poco più felice.

In una ricerca Kahneman ha dimostrato che raggiungi il picco massimo di felicità quando hai 75.000 $ l’anno. Ulteriori aumenti di stipendio cambiano molto poco la tua felicità percepita.

Lo studio di Kahneman si basa su dati americani.
Questo “tetto massimo per avere il picco di felicità” cambia molto da Paese a Paese, a seconda del costo della vita.

L’Italia è sicuramente un Paese meno caro degli Stati Uniti. Gli stipendi sono minori e molte spese (ad esempio i contributi pensionistici e le spese sanitarie) sono già tolte dal tuo stipendio lordo.

In Italia questi famosi 75.000 $ equivalgono circa a 60.000 €, cioè 5.000 € al mese (proporzione secondo il big mac index 2020, -16.2% rispetto al US).

i soldi fanno la felicità


I soldi fanno la felicità se sei povero

Se sei davvero povero, sei in uno stato di sofferenza perché non riesci a soddisfare i tuoi bisogni basici: fame, freddo, sicurezza.
Cioè: stai di merda perché non mangi da due giorni e dormi per strada a dicembre con un freddo cane.

Con un po’ di soldi, anche con uno stipendio molto basso (ad esempio 800 €) la tua situazione migliora moltissimo: puoi mangiare e trovare un posto dove vivere.
Magari mangi pane e cipolle e la tua casa sa di muffa, ma almeno sei sazio, al caldo e al sicuro.

Già un bel salto di qualità, non trovi?

Se poi guadagni ancora un po’ di più, ad esempio 1.500 € al mese (lo stipendio medio italiano) puoi vivere in una casa più bella, fare una spesa più grande e ti avanza pure qualche soldo per toglierti qualche sfizio.

Magari adesso non vai più al lavoro dall’altra parte della città in bici, ma ci vai in macchina.

Adesso con i tuoi soldi non soddisfi solo i tuoi bisogni di base, ma ti puoi anche togliere qualche sfizio e avere delle comodità in più.

Quindi si, se sei povero i soldi fanno la felicità.


Quanto ti manca al traguardo? 

Quando ti chiedi se i soldi fanno la felicità, spesso pensi ai miliardari con macchine di lusso, ville enormi e con un’isola privata ai Caraibi.

Ma lo studio di Kahneman ha spiegato che questi pluri miliardari non sono molto più felici delle persone semplicemente benestanti.

Quindi non è necessario vincere il Jackpot da 100.000.000 all’Enalotto per essere felici.

E questa è una grande fortuna, perché…


Diventare ricco è un gran casino 

Ok, gli studi dimostrano che raggiungi il picco di felicità quando hai circa 5.000 € al mese.

Va benissimo se cerchi di guadagnare di più per arrivare a questo traguardo, ma la dura verità è che guadagnare 5.000 € è veramente difficile.

Forse con il tuo lavoro non ci arriverai mai.

Forse stai già pensando che ti serve un modo alternativo per diventare così ricco.

Il problema è che arrivare a 5.000 € al mese è un gran casino.

E’ molto difficile aumentare le tue entrate.
E’ molto più facile controllare le tue spese.


Gli altri parametri della felicità

Ci sono anche altri parametri che influenzano la tua felicità, oltre ai soldi.

I soldi da soli non bastano.

Alla fine della festa, le cose che fanno la tua felicità sono:

1) libertà
2) famiglia
3) salute

Se guadagni 5.000 € lavorando 12 ore al giorno in un lavoro che ti fa schifo e con un grandissimo stress, non sei felice.

Se tu ti sbatti a fare straordinari mentre tua moglie si sbatte il personal trainer, non sei felice (ma tua moglie probabilmente si).

Se devi rinunciare al tuo tempo libero perché hai troppe riunioni, non sei felice.

Se hai un tumore alle balle, non sei felice.


Che cosa puoi fare tu adesso?
 

La cosa che puoi fare subito per essere un po’ più felice, anche se non hai raggiunto il tetto dei 5.000 €, è concentrarti sulle cose importanti della tua vita: libertà, famiglia e salute.

La cosa che puoi fare subito per essere un po’ più ricco, invece, è smettere di spendere soldi in puttanate.

Se hai un lavoro noioso e una vita stressante, spesso ti sfoghi comprando cose.

Se hai poco tempo libero per te stesso e per le tue passioni, ti sfoghi comprando cose, pensando che forse con quelle cose la tua vita sarà migliore e più bella.

Ma tutte queste cose non ti rendono più felice.

C’è una cosa che ti può aiutare ad essere più felice ora.
Ed è il minimalismo.

Il minimalismo ti aiuta ad essere più felice, a prescindere da quanti soldi hai.

Perché con il minimalismo ti concentri sulle cose che sono importanti per te: libertà, famiglia, salute.

Il minimalismo non riguarda solo i soldi.
Non è un modo per risparmiare.

Con il minimalismo:

1. definisci le tue priorità
2. eviti di spendere soldi in cazzate
3. spendi soldi per le cose che ti rendono felice e che per te sono importanti.

Mentre cerchi di aumentare le tue entrate, con il minimalismo puoi gestire meglio le tue spese.


Cosa vuol dire essere minimalisti

Se sei minimalista non vuoi spendere di meno, ma fai attenzione a come spendi i tuoi soldi.

Il senso del minimalismo non è risparmiare per il gusto di risparmiare, ma risparmiare sulle cose inutili per spendere soldi per le cose che ti rendono felice e che per te sono importanti.

Che cosa ti rende felice?

Se hai difficoltà a definire le tue priorità, spendi troppi soldi in cazzate e vuoi semplificare la tua vita… il minimalismo è la strada che fa per te.


ADD_THIS_TEXT


Se hai difficoltà o non sai da dove partire con la tua strada per il minimalismo, contattaci.

Saremo felici di aiutare un’altra persona a liberarsi e vivere una vita un po’ più felice.

Memento mori
Mr. e Mrs. T-Rex
I ribelli del Minimalismo

***

“Ora so che se deciderò ancora di andare in cerca della felicità, non dovrò cercarla oltre i confini del mio giardino… perché se non la trovo la … non la troverò mai da nessun altra parte.”

(Il mago di Oz)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per iniziare il percorso


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *