La storia del pupazzo di neve: anche tu stai cercando la FELICITA’ nel posto sbagliato?

di | 8 Febbraio 2021

Oggi ho imparato una grande lezione di vita sulla felicità … da un bambino di appena 7 anni:

L’ho visto tutto il giorno in giardino impegnato a costruire un pupazzo di neve con il figlio dei vicini…

Ci hanno messo più di un’ora, ma alla fine il pupazzo era bellissimo e sembrava proprio Olaf di Frozen: alto più di loro, con una carota al posto del naso e due rami per le braccia.

Era così bello che volevo fare una foto da postare online, ma i bambini sono piombati sul pupazzo di neve e lo hanno ghigliottinato peggio del boia che ha decapitato Maria Antonietta…

Ma perché lo state rompendo?” ho urlato, quasi arrabbiato “Ci avete messo ore a farlo!”

“Perché ora vogliamo fare un igloo!” mi hanno risposto loro tutti felici, mentre lo smantellavano e ri iniziavano da capo.


ADD_THIS_TEXT



Da dove passa la strada per la felicità ? 

Quei due bambini mi hanno fatto riflettere.

Non erano affatto interessati al possesso del pupazzo di neve… si divertivano semplicemente a stare assieme, giocare nella neve e a costruire sempre una cosa nuova.

Non davano importanza all’oggetto in sé, ma all’esperienza… una cosa difficilissima al giorno d’oggi.

Questo perché oggi sei bombardato tutto il giorno da pubblicità che cercano di convincerti a comprare roba…. con la promessa che così sarai molto più felice.

Ovunque ti giri, foto di roba da possedere e comprare: su youtube, in TV, sui social, sul giornale…

Le pubblicità cercano di convincerti che il loro prodotto ti cambierà la vita come una pillola magica.

“Al volante di questa macchina sedurrai tutte le donne!”
“Con questa nuova borsa tutte le tue amiche ti invidieranno!”

… e così tu compri…
… ma non cambia un cazzo.

Poi arriva una nuova pubblicità, una nuova cosa da comprare e tu pensi “forse è proprio questa la cosa che mi mancava… forse è questa la cosa che mi renderà più felice!”

E così la compri.

E indovina?

Non cambia un cazzo neanche questa volta.
La tua vita è sempre uguale. Il tuo livello di felicità non si è alzato di un millimetro.

…E così compri altra roba.

E vai avanti così, in un cerchio senza fine.


Sulla strada per la felicità gli oggetti sono solo un ostacolo

Il punto è che quando cerchi la felicità nei beni materiali è come se stessi cercando l’acqua nel deserto.

Semplicemente, la stai cercando nel posto sbagliato.

Perché posso dire questo?

Perché degli studi hanno dimostrato che la felicità che ti dà un nuovo acquisto dura poche settimane o anche solo pochi giorni… a prescindere da quanto ti è costato.

Ti sembrerà assurdo, ma in realtà c’è una spiegazione logica.

Pensa a quando mangi la pizza: hai presente l’orgasmo che provano le tue papille gustative quando quasi si ustionano con il primo morso di pomodoro e mozzarella filante?

Ecco.

Il primo boccone è sempre il più buono, e te lo godi mille volte di più del dodicesimo.

Questa cosa (che si chiama “adattamento edonistico”) viene usata in psicologia per spiegare la tendenza delle persone a tornare ad un certo livello di felicità, nonostante gli alti e bassi della vita.

E questo è esattamente quello che succede quando compri qualcosa di nuovo: ti ci abitui in fretta e quella cosa perde tutto il suo fascino.

Ecco perché comprando roba non avrai la felicità che ti promettono le pubblicità.


“La pubblicità è un mezzo studiato per renderti scontento di ciò che hai e farti desiderare ciò che non hai.”

Non riesci a trovare la felicità perché la pubblicità ti sta facendo seguire una bussola sbagliata, che non punta verso la tua felicità, ma verso il suo interesse….
Cioè succhiarti tutti i soldi possibili, come un vampiro attaccato al tuo collo.

E se poi compri una cosa e la felicità non arriva, ecco che arriva un’altra pubblicità che ti convince che la chiave della felicità sta nel prossimo oggetto.

E così ti convince a comprare ancora….


Come trovare la felicità ?

Non è comprando oggetti che troverai la felicità.

La felicità dell’uomo moderno: guardare le vetrine e comprare tutto quello che può permettersi, in contanti o a rate.
(Erich Fromm)

Ripensa a quando eri piccolo. Li si che eri felice e ti divertivi con niente.

Bastava un vecchio pallone o una bici scassata per giocare tutto il pomeriggio in cortile con i tuoi amici.

Non ti servivano grandi cose… la cosa importante era stare assieme a divertirsi.

Anche adesso è così, non è cambiato niente.
Solo che subisci tutti i giorni il pressing delle pubblicità che cercano di venderti qualcosa…

E tutti quelli attorno a te credono a queste bugie e comprano roba a caso.


Il minimalismo è la bussola verso la tua felicità

Se sei consapevole che gli oggetti ti danno una felicità solo temporanea, sei già più avanti della maggior parte delle persone e sei sulla buona strada per trovare la tua felicità….

Perché la felicità non è negli oggetti, ma nelle esperienze che fai con le persone a cui vuoi bene.
Esperienze che diventano fantastici ricordi che ti restano per tutta la vita.

Se usi una mentalità più minimalista, diventi immune alle pubblicità e al consumismo….

Inoltre evitare di comprare cose non sarà un sacrificio, semplicemente perché comprare roba a caso non ti interesserà più.

Con il minimalismo elimini tutte le cose inutili dalla tua vita ed eviti di sprecare soldi per comprare roba inutile che poi finisce sul fondo dell’armadio…

Ma lo scopo non è risparmiare per il gusto di risparmiare: lo scopo è eliminare le cose inutili per concentrarti sulle cose che per te sono davvero importanti.


Le altre bugie che ti stanno allontanando dalla felicità

Ma le pubblicità non sono gli unici nemici che la società usa per allontanarti sempre di più dalla tua felicità.

Ecco perché abbiamo creato la guida gratuita distruggi la ruota del criceto con l’arma segreta del minimalismo, dove abbiamo smascherato tutte le armi che la società usa per attaccarti e dove scoprirai come usare il minimalismo come uno scudo per proteggerti.

Clicca qui e scarica ora la guida gratuita.

Memento mori
Mr. e Mrs. T-Rex
i Ribelli del Minimalismo

***

Cercare la felicità fuori di noi è come aspettare il sorgere del sole in una grotta rivolta a nord.
(Proverbio tibetano)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per iniziare il percorso


 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *