Esperto di finanza svela i 7 fattori per comprare più consapevolmente

di | 22 Novembre 2021

Se stai facendo un percorso minimalista, probabilmente anche tu desideri una vita più libera e consapevole….
ma forse anche tu ti sei accorto che comprare consapevolmente non è affatto facile come sembra.

Ed hai assolutamente ragione!

Infatti, forse non lo sai, ma ci sono alcuni fattori che influenzano il modo in cui spendi i tuoi soldi (senza che te ne accorgi).

Ecco, in questo articolo vedremo quali sono questi fattori inconsci e come fanno esattamente a farti spendere molto di più di quello che vorresti.

Spoiler: non ti preoccupare, alla fine dell’articolo trovi anche il metodo infallibile per sconfiggerli e spendere i tuoi soldi in modo (davvero) consapevole 🙂


Come come? Ci sono dei fattori che influenzano il modo in cui spendo i miei soldi??

Eh, capisco la tua reazione.
Sapere che esistono dei fattori che (inconsciamente) ti condizionano non è proprio il massimo, soprattutto se sei minimalista e vuoi vivere una vita più consapevole.

Eppure, anche se sembra pazzesco, è proprio questo il risultato dello studio fatto da Jason Zweig nel suo libro “Il piccolo libro che salva i tuoi soldi”.
Zweig è un famoso giornalista finanziario che cura la rubrica del Wall Street Journal dedicata alla finanza personale ed ha scoperto che si sono ben 7 fattori che influenzano in modo in cui spendi i tuoi soldi…

E si è accorto che se questi fattori si alleano contro di te, ti fanno spendere molto di più di quello che vorresti (senza neanche che te ne accorgi).

In pratica, quindi, anche se cerchi di comprare consapevolmente, in realtà questi 7 fattori ti condizionano, e ti rendono più o meno disposto a comprare cose che magari non ti servono davvero.

Ecco quindi i 7 fattori che secondo Zweig influenzano il modo in cui spendi i tuoi soldi.

test che minimalista sei?
I 7 fattori che ti impediscono di comprare consapevolmente

1) il momento nel quale vivi

Quando va tutto bene, sei in salute e non hai problemi particolari, sei più propenso a fare acquisti, anche se magari sono inutili.

Al contrario, se stai passando un brutto momento (soprattutto se hai problemi di salute), gli acquisti passano subito in secondo piano, perché sei consapevole che i beni materiali non possono darti la felicità ed hai problemi molto più gravi su cui concentrarti.

Quindi sì: se adesso sei in salute (e ovviamente noi speriamo sia così) c’è già un fattore inconscio che sta lavorando contro di te.


2) l’ambito 

Sicuramente anche tu hai delle cose che per te sono molto importanti, e altre a cui invece non dai molto peso.
Ecco.

Queste tue priorità di vita si riflettono nel modo in cui spendi i tuoi soldi.

Se la macchina per te è una cosa poco importante, probabilmente cercherai di risparmiare e di spenderci meno soldi possibile (ad esempio comprando una macchina usata).

Ma se hai una grande passione, ad esempio sciare, probabilmente per questa passione dedicherai volentieri una buona parte del tuo stipendio… e questo va benissimo, se così sei felice!

Il problema è che è molto più facile spendere soldi per le cose che ti interessano davvero… e così però rischi di spendere anche per cose che in realtà non ti servono davvero, ma c’entrano in qualche modo con la tua passione…

Ecco perché, paradossalmente, dovresti prestare ancora più attenzione quando compri qualcosa che ti interessa davvero, perché la tua soglia di prudenza sarà molto più bassa del solito.


3) il tuo stato fisico

Sembra assurdo, eppure gli studi hanno dimostrato che l’eccitamento sessuale influenza il modo in cui spendi i tuoi soldi.

Insomma, a quanto pare, se sei seduto sul divano tranquillo a leggere un libro, sei molto più prudente a spendere i tuoi soldi.
Ma se inizi a guardare delle foto sexy, pian piano ti trasformerai da tenero agnellino in un audace leone.

 

Ecco, questa forse sembra una cosa poco importante da sapere per comprare consapevolmente, perché di sicuro non ti metti a comprare cose mentre guardi foto sexy…
eppure, se ci pensi bene, è proprio su questo che puntano le pubblicità.

Perchè (anche se forse non ci hai mai fatto caso), le pubblicità puntano sempre sul lato sexy, anche quando pubblicizzano un detersivo, la marmellata o una macchina….
… come ha fatto ad esempio la famosa pubblicità dell’Aston Martin che vedi qui sotto (sì, inutile dirlo: le vendite sono schizzate alle stelle!)

Ecco, come vedi conoscere l’influenza del sesso è utilissimo per sbaragliare il potere delle pubblicità quando devi comprare qualsiasi cosa (e non solo le mutande da Intimissimi).


4) il modo in cui hai guadagnato i tuoi soldi

Allora, immagina di avere 1.000 euro nel portafoglio.
Ecco: il modo in cui li hai guadagnati, influenza la tua propensione a spenderli.

Ad esempio, se li hai vinti con un gratta e vinci fortunato, ti sarà molto più facile spenderli per qualche spesa non necessaria… insomma, per toglierti qualche sfizio che normalmente non ti concederesti proprio a cuor leggero.

Se invece quei 1.000 euro sono il tuo normale stipendio, invece, sarai sicuramente molto più prudente a spendere quei soldi, perché ti sono costati un sacco di fatica.

E se quei famosi 1.000 euro li hai ereditati dalla tua nonnina preferita, la tua propensione a spenderli è praticamente inesistente, perché con quei soldi hai un forte legame affettivo e non vuoi sprecarli.

 

Ok, forse nella tua vita non ti capiterà mai di trovare un gratta e vinci fortunato, ma questo vale anche per altri casi.

Ad esempio, ho notato che spesso le persone spendono più facilmente i soldi della tredicesima, perché li sentono più come una specie di regalo “piovuto dal cielo” e non come qualcosa collegato al loro lavoro.


5) il modo in cui ti viene descritto l’acquisto

Anche se l’oggetto che compri è sempre lo stesso, il modo in cui viene venduto ti influenza…
… e le pubblicità questo lo sanno benissimo.

Questo accade soprattutto durante i saldi, quando le pubblicità cercano a tutti i costi di farti sembrare l’acquisto un vero e proprio affare che non puoi assolutamente perderti.

Ecco, anche qui infatti le pubblicità usano certe strategie per farti comprare il più possibile, perché ci sono dei trucchi psicologici che fanno sembrare l’acquisto molto più conveniente.

Ad esempio, se un oggetto costa poco, diciamo 40 euro, sembra molto più conveniente se lo sconto è scritto in percentuale, ad esempio “- 30%”.
Ma se invece si tratta di un oggetto molto costoso (ad esempio una borsetta firmata che costa 1.000 euro), se lo sconto è solo del 10% non conviene scrivere “-10%”, perché non sembra un gran affare…

In questo caso, per convincerti che è un vero affare, al negozio conviene barrare il vecchio prezzo (1.000 euro) e scrivere vicino esattamente la somma che risparmi (- 100 euro)… perché ovviamente risparmiare fa sempre piacere a tutti.

Insomma, è naturale che in questi casi il tuo cervello pensi “-100 euro! Allora è un affare!”

In questo modo, la borsetta sembrerà molto più economica, a te sembrerà di fare un affare e quindi ti convinceranno a comprare più facilmente.


6) gli acquisti dell’ultimo periodo

Sembra strano, ma quando compri qualcosa vieni influenzato anche dagli ultimi acquisti che hai fatto.

In pratica, se le ultime cose che hai comprato ti piacciono e le usi spesso, questo ti fa sentire invincibile e ti fa credere che fai sempre degli ottimi acquisti.

 

Se invece ultimamente hai fatto degli acquisti poco azzeccati (e magari di qualcuno te ne sei anche pentito…), probabilmente ti sentirai molto più insicuro, e prima di comprare qualcosa ci penserai due volte.

Questo spiega ad esempio come mai molti minimalisti dopo una prima fase di acquisti super prudenti fanno qualche acquisto “sbagliato” che fa vacillare le loro sicurezze.

Ecco, questo è assolutamente normale, fa parte del percorso di crescita ed è una cosa positiva.
Perché proprio quell’acquisto sbagliato li fa diventare più prudenti e consapevoli.


7) il contesto sociale

Questo è probabilmente il fattore che influenza di più le persone.

Il contesto sociale in pratica è l’ambiente dove ti trovi e le persone che ti circondano, con le quali ti confronti tutti i giorni (tipo la famiglia, gli amici, i colleghi…).

Ti faccio un esempio.
Mettiamo che a te non te ne frega niente della macchina, perché preferisci spendere i tuoi soldi per viaggiare.
Ma se sei circondato da persone che invece per la macchina spendono una marea di soldi perché la considerano uno status symbol, purtroppo queste loro credenze ti influenzano.

E questo pian piano ti spinge a cambiare il tuo comportamento e a comprare una macchina più costosa per non essere giudicato male da chi ti circonda.

 

Ecco, credo che questo sia il fattore più pericoloso di tutti.
Perché purtroppo al giorno d’oggi vivi in una società consumista che venera le apparenze e ti giudica per tutto quello che possiedi: il cellulare, la casa, la macchina, i vestiti…

Insomma: il contesto sociale è un fattore che ti rema sempre contro.


Come comprare più consapevolmente: la regola d’oro

Come hai visto, ci sono (almeno) 7 fattori che influenzano inconsciamente il modo in cui spendi i tuoi soldi.

Basta qualche piccolo ritocco qua e là per trasformare un minimalista tranquillo come un gattino in un leone affamato.

Ma la cosa positiva è che questi fattori li puoi combattere.

Come?
Con questa regola d’oro per comprare più consapevolmente è:

comprare consapevolmente

Perché in pratica tutti questi fattori cercano di farti spendere soldi sull’onda del momento.
Ecco perché dovresti evitare gli “acquisti emozionali” come la peste.

In pratica quando ti viene voglia di comprare qualcosa, è molto meglio aspettare un attimo e dormirci su.

Il giorno dopo, la situazione e il tuo stato d’animo saranno cambiati, e questo ti farà vedere le cose in un modo completamente diverso.

Insomma: dormirci sopra è decisamente uno dei modi migliori (oltre che uno dei più semplici) per essere sicuro che la tua decisione sia davvero consapevole, e non sia solo frutto di un desiderio momentaneo.

E se il giorno dopo sei ancora convinto di voler comprare quella cosa… beh, allora fallo e goditi il tuo acquisto, difficilmente te ne pentirai 😉

E se invece vuoi conoscere tutte le altre strategie per fare acquisti davvero consapevoli, le trovi tutte in questo articolo

 

Memento mori
Ste e Vale
I ribelli del Minimalismo

***

Consumiamo ogni giorno senza pensare, senza accorgerci che il  consumo ci sta consumando
(Zygmunt Bauman)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per saperne di più


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *