10 (+1) cose che NON FACCIO PIÙ da quando sono minimalista

di | 26 Aprile 2021

Ci sono una marea di cose che non faccio più da quando sono minimalista.

Perché da quando sono diventato minimalista (ormai parecchi anni fa), la mia vita è cambiata a 360 gradi.

Il minimalismo infatti è un percorso di crescita personale che cambia completamente la tua vita e va ben oltre il decluttering (come invece pensano un sacco di persone).

Con il minimalismo elimini tutta la roba inutile della tua vita, per concentrarti sulle cose che sono davvero importanti per te.

Ecco perché il minimalismo (a colori) non vuol dire solo smettere di comprare roba, ma cambiare il proprio modo di pensare per migliorare la propria vita.


ADD_THIS_TEXT


 

Ecco 10 cose (+1) che non faccio più da quando sono minimalista:


1. Non guardo programmi a caso per ammazzare il tempo

Prima la TV era un modo comodo per staccare il cervello e passare la serata, anche se non guardavo qualcosa che mi piaceva davvero.

Adesso che sono minimalista la TV e Netflix ce li ho ancora, ma li uso in modo completamente diverso e li guardo solo quando c’è davvero qualcosa che mi interessa da guardare.


2. Non cerco più la felicità nei beni materiali

Una volta credevo che comprando alcune cose sarei stato più felice.

E così ho comprato la macchina sportiva, l’ultimo modello di iPhone, i vestiti di marca, l’orologio di lusso…. ma sai cosa?

Tutta questa roba non ha aumentato la mia felicità neanche di un millimetro.

Quello che invece ha davvero aumentato la mia felicità è stato aumentare il mio tempo libero, per dedicarmi di più alle mie passioni. 😉


3. Non vado più a fare shopping per noia

Prima fare shopping era come guardare la TV: un modo comodo per riempire il tempo.
Un noioso sabato di pioggia lo riempivo con un giro al centro commerciale, anche se in realtà non avevo bisogno di comprare niente.

Ma adesso ho smesso di fare cose a caso (shopping, guardare la TV…) per riempire il vuoto.
“Ammazzare il tempo” è una di quelle cose che non faccio più da quando sono minimalista.

Ora sfrutto il mio tempo al massimo e mi concentro sulle cose che sono importanti per me, tipo stare con le persone a cui voglio bene, passeggiare nel bosco e aiutare le altre persone a diventare minimaliste 😉


4. Non faccio più acquisti d’impulso

Hai presente quando la sera esci dal lavoro stanco e con le balle girate? E mentre passeggi per il centro, sfoghi la frustrazione comprando roba praticamente a caso (che poi di solito finisce sul fondo dell’armadio)?


Ecco.

Da quando sono minimalista ho smesso di fare acquisti emozionali.
Adesso non compro più roba a caso, ma faccio una lista delle cose che voglio comprare.

Se poi vedo qualcosa “fuori lista” che mi piace, prima di comprarla ci penso un po’ e mi chiedo se mi serve davvero e se mi dà gioia, o se si tratta solo di un impulso del momento.

Se sono davvero convinto lo compro, ma avendoci pensato su so che non me ne pentirò e mi godo a fondo il mio acquisto.


5. Non mi faccio più fregare dalle offerte

-30% solo per oggi, prendi 2 e paghi 1, compra 4 e ricevi il quinto in omaggio…

Prima compravo un sacco di cose che non mi servivano nell’immediato (o non mi servivano affatto) solo perché c’era una super promozione che mi sembrava imperdibile…
E poi mi trovavo l’armadio pieno di magliette di Zara che non mi convincevano del tutto e non mettevo mai.

Da quando sono minimalista ho imparato a sfruttare i saldi, invece di farmi sfruttare da loro (in pratica, compro solo le cose che comprerei anche a prezzo pieno, ma aspetto i saldi per risparmiare, se non sono troppi lontani).


6. Non tengo più roba che non uso ma che “non si sa mai”

Hai presente quel trapano a colonna (che forse non funziona neanche più) ma che devi assolutamente tenere perché metti che forse un giorno devi fare un buco da qualche parte?

O l’aggeggio per fare i waffle che hai comprato l’anno scorso e che poi hai usato solo una volta?

Ecco, da quando sono diventato minimalista mi sono sbarazzato di tutta questa roba che “forse un giorno”, “prima o poi”, “non si sa mai”, “che potrebbe servire”.

Se arriverà davvero il famoso giorno in cui mi serviranno quelle cose, vedrò di farmele prestare da qualcuno o mi ingegnerò in qualche modo, ma intanto mi godo lo spazio in più. 😉


7. Non compro cose per impressionare gli altri

Prima compravo spesso cose costose: mi piacevano, certo, ma le compravo anche per fare colpo sugli altri.

Ecco, da quando sono minimalista ho smesso di comprare cose per farmi vedere.

Con il minimalismo ho capito che non ha alcun senso spendere soldi per comprare roba solo per apparire, perché tu sei e vali molto di più della tua roba.

Se adesso voglio comprare qualcosa (soprattutto se costosa) mi chiedo: la sto comprando per me o per gli altri? La comprerei lo stesso, se nessun altro potesse vederla?

Se la sto comprando per me, la compro, ma se la sto comprando per gli altri, lascio perdere, perché non mi interessa più impressionare la gente.


8. Non giudico le persone in base all’apparenza

Anche se non ho mai giudicato le persone dalle apparenze, bene o male l’aspetto esteriore mi influenzava.
Pensavo che se una persona ha una casa enorme, dev’essere per forza una persona ricca e di successo.

Ma da quando sono minimalista, ho smesso di fare l’equazione “apparenza = sostanza”.

Certo, se vedo una bella macchina mi giro a guardarla, non dico di no…. ma la guardo perché è bella, punto.
Non giudico una persona migliore se ha una macchina figa.

Ho smesso di pensare che la macchina, l’orologio o cose del genere dicano davvero qualcosa su di te.
Tu non sei la tua macchina, non sei la marca del tuo orologio o delle tue scarpe.


9. Non valuto più gli oggetti solo in base al brand

A volte i prodotti costosi sono davvero migliori, ma non sempre, spesso hanno semplicemente un marketing migliore alle spalle che li vende bene.

Da quanto sono minimalista, più che sul brand, mi baso sulle caratteristiche del prodotto e sui materiali con cui è fatto.

Tra l’altro, anche se magari il prodotto di marca magari è migliore, non ti serve sempre il prodotto top di gamma disponibile sul mercato, dipende anche dall’uso che ne vuoi fare.

Pensa ad esempio al computer.
Se non ti serve per fare grandi cose di grafica o per lavoro, ma solo per andare ogni tanto in internet e scrivere su word (e leggere il nostro blog, ovviamente! 😉 ), non ti serve un super mega Mac book pro air sti cazzi da 3.000 €.
Per quello ti basta un normalissimo computer da 600 €… e tutti i soldi che hai risparmiato li puoi usare per altre cose che sono davvero importanti per te.


10. Non mi preoccupo più delle cose che non posso controllare

Ci sono delle cose che semplicemente non puoi controllare, ma che quando vanno storte riescono comunque a influenzare il tuo umore: le notizie di cronaca nera al Tg, il meteo, l’andamento dei mercati azionari…

Se piove il weekend che volevo andare al lago, non ci posso fare niente.
Posso anche incazzarmi a sbraitare, ma questo non cambia di una virgola la situazione.

Da quando sono minimalista, ho smesso di farmi il sangue amaro per le cose che non posso influenzare e mi concentro sol sull’unica cosa che posso sempre controllare: la mia reazione.


11. Non mi preoccupo più del giudizio degli altri

Prima di diventare minimalista avevo comprato l’auto sportiva che sognavo da quando ero bambino.
Quando poi l’ho venduta, ho deciso di comprare un’auto di seconda mano sicura e affidabile… ma sicuramente non una premium price nuova.

Beh, non ti dico il giudizio della mia famiglia e dei miei colleghi, pensavano che fossi matto ad essere sceso di categoria.

Non capivano il vantaggio di guidare una macchina più economica invece di una Premium price tipo un’Audi o una Mercedes, visto che potevo permettermela.

Certo, erano tutte auto molto belle, ma costavano almeno 30.000 – 40.000 € in più della macchina che avevo preso… ne valeva la pena, per l’uso che ne dovevo fare io? No.

Loro non capivano che, anche se potevo permettermela, preferivo comprare un’auto meno costosa, per usare i soldi risparmiati per le cose che per me sono molto più importanti di una macchina figa.

Loro non capiscono, ma del loro giudizio ormai non me ne frega più una mazza e vado avanti per la mia strada dritto verso i miei obiettivi di vita

***

Ecco, queste sono le cose che non faccio più da quando sono minimalista.

Ma da quando sono minimalista, ci sono anche delle cose che invece ho iniziato a fare, per semplificare la mia vita e avere più soldi, tempo ed energie da dedicare alle cose che sono importanti per me.

È proprio per questo motivo che ho creato la guida “7 modi per semplificare la tua vita con il minimalismo a colori”, dove ho raccolto tutte le cose che puoi iniziare a fare subito per diventare minimalista.

Clicca qui per scaricare la guida e inizia subito a semplificare la tua vita.

Memento mori
Mr. e Mrs. T-Rex
I ribelli del Minimalismo

***

Chiediti cos’è davvero importante per te e poi trova il coraggio di costruire la tua vita in base alla risposta
(Lee L. Jampolsky)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per iniziare il percorso


 

2 pensieri su “10 (+1) cose che NON FACCIO PIÙ da quando sono minimalista

    1. MMM Autore articolo

      Ciao Chiara,
      ti ringrazio, è bello avere una lettrice come te! 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *