Casa minimalista: 7 piccoli consigli concreti per trasformare la tua casa

di | 11 Ottobre 2021

Se anche tu vuoi una casa minimalista tieniti forte, perché con questi 7 step facili e veloci puoi trasformare la tua casa in pochissimo tempo (ma senza sbatterti troppo).


I vantaggi di una casa minimalista

Avere una casa minimalista ha moltissimi vantaggi, forse li conosci già.

Meno disordine, più spazio libero, una casa più organizzata e meno tempo perso a fare le pulizie il sabato mattina…
insomma, una vita più semplice.

Ma soprattutto, una casa minimalista ti aiuta ad avere una vita più felice e serena.

Perché forse non lo sai, ma un recente studio dell’Università di Princeton ha scoperto che una casa disordinata è una gigantesca fonte di stress.

Questo perché, secondo i ricercatori, tutti gli oggetti che ti circondano creano degli stimoli visivi che attirano l’attenzione del tuo cervello…
proprio come un drappo rosso che attira l’attenzione di un toro.

E così quando torni a casa la sera dopo un’intensa giornata di lavoro, il tuo cervello invece di rilassarsi deve lavorare come un pazzo per elaborare tutti gli stimoli visivi che lo bombardano.

Ecco, lo scopo di una casa minimalista è vivere in uno spazio ordinato e organizzato che ti aiuta a rilassarti e ti fa stare bene.

Per fare questo, elimini gli stimoli visivi inutili e ti circondi solo di oggetti utili e che ti piacciono.

test che minimalista sei?


Ecco 7 consigli facili e veloci per avere una casa minimalista


1) elimina la roba inutile o che non ti piace

La tua casa dovrebbe essere la tua tana, un posto che ti fa sentire bene e a tuo agio, perché lo spazio che ti circonda influenza la tua vita.

Ecco perché ogni cosa che non usi o non ti piace non merita un posto nella tua casa e nella tua vita.

Per prima cosa, quindi, inizia ad eliminare tutte le cose che non usi o che non ti piacciono (“decluttering”).

Lo scopo è circondarti solo di oggetti utili, o che ti fanno sentire bene.


2) trova un posto per ogni cosa

Spesso una casa è disordinata non perché ci sono troppe cose…
ma perché molte di quelle cose non hanno un loro posto ben preciso, e così vagano in giro per casa e sono sempre tra i piedi.

Ecco perché ti consiglio di trovare un posto ben preciso per ogni cosa che possiedi.

In questo modo, dopo che l’avrai usata, saprai esattamente dove metterla, e non avrai la tentazione di abbandonarla in giro.


3) nascondi alla vista

Ecco, quando scegli il posto dove riporre i vari oggetti, ti consiglio di scegliere solo posti chiusi, nascosti alla vista.

Perché forse non ci hai mai pensato, ma quando sei in una stanza, tutto ciò che è immediatamente visibile crea una specie di disordine visivo…
… che puoi eliminare velocemente chiudendo tutto nell’armadio, nel cassetto ecc.

Insomma: dentro l’armadio potrebbe anche esserci un gran casino, ma finché l’armadio resta chiuso, visto da fuori sembra tutto ordinato.

Ad esempio, immagina che quando torni a casa butti le chiavi, il portafoglio ecc sulla mensola all’ingresso.
Se tutti questi oggetti restano così in bella vista, si crea in fretta un sacco di casino.

Ma se tutte quelle cose le metti sempre sulla mensola, ma dentro ad una scatola carina, l’effetto è immediatamente più ordinato e piacevole con il minimo sforzo 😉


4) tieni le superfici piane il più sgombre possibile

Ogni superficie piana è una potenziale fonte di disordine.

Tavoli, comodini, pavimenti, mensole, ripiani…. su qualsiasi superficie piana tende ad ammucchiarsi un sacco di roba.

Questo perché è facile appoggiarla lì un attimo… e poi dimenticarla per sempre.

Certo, è normale che sia così, ma prova a cambiare mentalità: ogni superficie piana deve restare il più sgombra possibile.

Certo, non voglio dirti che devi rinunciare a quei soprammobili o a quelle cose che usi o che ti piacciono…
la cosa importante è non usare queste superfici come degli appoggi comodi per tutte quelle cose che dovrebbero stare da un’altra parte.


5) se togli un indumento, trovagli subito un posto

Quando torni a casa e ci sono dei vestiti che vuoi mettere anche il giorno dopo, di solito li appoggi su una sedia o su una poltrona……
ma il problema è che poi li lasci là e a fine settimana ti trovi più vestiti sulla sedia che dentro all’armadio…

Il mio consiglio invece è di creare uno “spazio dedicato” per i vestiti già usati, ma che pensi di riutilizzare i prossimi giorni (ad esempio, un cassetto vuoto dell’armadio).

Se invece i vestiti devi metterli a lavare, mettili subito nella cesta dei panni sporchi.

Non lasciarli liberi di vagare per casa come dei cavalli che corrono liberi nella prateria, e non posteggiarli “provvisoriamente” sulle maniglie delle porte (sì, abbiamo visto anche questo… 😉 ).

Crea dei posti specifici anche per i vestiti che devi stirare, portare in tintoria ecc.

In questo modo eviti di trovarti con un esercito di vestiti che vaga in giro per casa come se fosse appena esplosa una bomba


6) crea una scatola per la roba “da portare fuori”

Probabilmente anche tu hai delle giornate pienissime con mille cose da fare.

In tutto questo, è difficile ricordarsi tutte le piccole cose tipo “devo portare questa camicia in tintoria” o “appena ho un attimo devo portare questa cosa in discarica”…
… e così rischi di dimenticarti e di trovarti con un sacco di cose in giro per casa, in attesa del loro destino.

Ecco perché ti consiglio di creare un posto (magari all’ingresso) dove puoi raccogliere tutta la roba che per qualche motivo devi portare fuori casa: dalla busta da spedire al libro da riportare in biblioteca ecc.

Così alla prima occasione porti fuori tutto e non solo tieni la casa più ordinata, ma magari ne approfitti anche per uscire e fare due passi.


7) ripulisci subito

Hai presente quando fai colazione e poi lasci le tazze nel lavello, pensando “ci penserò questa sera”?
Ecco.

A me succedeva spesso…
e il problema è che quando tornavo a casa facevo lo stesso ragionamento con la tazza del tè, la ciotola della macedonia….
e tra una cosa e l’altra insomma quando arrivava la sera avevo il lavello pieno.

Ecco, io ho risolto il problema in un modo molto semplice, che credo possa funzionare anche per te.

Lava tutto subito dopo che l’hai usato (o, se ce l’hai, metti tutto subito in lavastoviglie, tanto ce l’hai già in mano).

Infatti spesso basta molta meno fatica a lavare le cose subito perché non sono ancora incrostate…
se invece aspetti tutta la giornata…
beh, fai il doppio della fatica.

Oppure, se ce l’hai, metti tutto direttamente nella lavastoviglie (invece di metterle prima nel lavello), tanto hai già tutto in mano.


Gli altri aspetti della tua vita che puoi semplificare con il minimalismo

Ecco, avere una casa minimalista è un ottimo primo passo per semplificare la tua vita e ridurre lo stress.

Ma questo è solo uno dei modi in cui il minimalismo può migliorare la tua vita (e neanche il più importante).

Perché con il minimalismo puoi eliminare TUTTA la roba inutile che affolla la tua vita…
non solo gli oggetti, ma anche le spese, gli impegni, le persone…

Per avere non solo più spazio, ma anche più tempo, soldi ed energie da dedicare alle cose davvero importanti per te (qualunque esse siano!).

Se vuoi scoprire tutti i modi in cui il minimalismo può semplificare la tua vita e trovare ogni giorno la tua giusta ispirazione minimalista, iscriviti al gruppo Facebook “50 sfumature di minimalismo”.

Clicca qui e iscriviti al gruppo.

 

Memento mori
Mr. e Mrs. T-Rex
I ribelli del Minimalismo

***

Là dove sei felice, sei a casa.
(Proverbio tibetano)

 


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per iniziare il percorso


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *