5 BUCHI NERI poco conosciuti che RISUCCHIANO I TUOI SOLDI come un pozzo senza fondo (e come tapparli per sempre)

di | 1 Marzo 2021

Anche tu a fine mese ti chiedi che fine hanno fatto i tuoi soldi?

Tranquillo, ecco svelato il metodo super segretissimo per risparmiare un sacco di soldi:


taglia il tubetto del dentifricio per strizzarlo fino all’ultima goccia, coltiva i tuoi broccoli sul balcone e tira l’acqua ogni 4 volte che vai a fare pipì…

 

Ok, hai ragione, sono tutte cazzate.

Eppure molti minimalisti estremi (i Minimalisti Grigi) pensano che sia proprio questa la via per risparmiare e vivere una vita libera.

Fai benissimo a voler risparmiare, ma la dura verità è che in questo modo stai risparmiando solo pochi spiccioli e non stai risolvendo il vero problema…
perché in realtà i tuoi soldi stanno finendo da tutt’altra parte senza che te ne accorgi.

Infatti ci sono 5 buchi neri che letteralmente risucchiano i tuoi soldi, molto di più di un caffè al bar o di un tubetto di dentifricio non strizzato fino all’ultima goccia…

Mi spiego meglio:

Immagina un secchio pieno di acqua con dei buchi: l’acqua sono i tuoi soldi duramente guadagnati, i buchi sono le tue spese.

Ci sono dei piccoli forellini che sgocciolano.
Queste sono le piccole spese, tipo il caffè al bar.

Ma ci sono anche dei buchi giganteschi che fanno perdere molta più acqua….

Se vuoi bloccare la perdita, ovviamente ti conviene partire dai buchi più grossi.

Ma allora perché chi vuole risparmiare si concentra solo sui piccoli forellini?

Semplicemente perché i buchi neri vengono tenuti nascosti da un sacco di persone che ci guadagnano alle tue spalle (banche, venditori, grosse aziende…)

Ecco quindi i 5 buchi neri che stanno risucchiando i tuoi soldi…
e soprattutto: come tapparli subito per iniziare a risparmiare davvero.


ADD_THIS_TEXT



BUCO NERO nr. 1: la macchina 

La tua auto distrugge i tuoi soldi ogni singolo giorno (anche se la usi solo lo stretto necessario).

Ecco in che modo:

– si svaluta
Appena la tua auto esce dal venditore… perde il 22% del valore.
Già, perché il 22% è l’IVA che hai pagato al concessionario e che si volatilizza nell’aria subito dopo che l’hai pagata.

– paghi per usarla
Questi costi di solito cambiando a seconda di quanto la usi: benzina, riparazioni, lavaggio, multe…

– paghi dei costi fissi, anche se non la usi
Per finire in bellezza, ci sono dei costi che non puoi proprio eliminare: le tasse, il bollo, l’assicurazione…

Insomma, la macchina risucchia i tuoi soldi come un pozzo senza fondo… (a proposito, conosci davvero tutti i costi nascosti della tua macchina? Leggi qui)

Tranquillo, non ti sto dicendo di andare a cavallo come nel medioevo.

Sto solo dicendo che magari per andare da A a B puoi prendere una macchina meno grande e costosa o usata (così il problema della svalutazione iniziale se lo piglia qualcun altro)

 

BUCO NERO nr. 2: gli acquisti impulsivi

Hai presente quando vai a fare la spesa prima di cena, hai una fame bestia e ti compri mille cazzate (supercaloriche), anche se nella lista della spesa avevi messo solo carotine e fette biscottate integrali?

Ecco.

Lo stesso vale esattamente per gli acquisti impulsivi.

Degli studi hanno dimostrato che più sei stanco e stressato, magari dal lavoro, più tendi a comprare cose d’impulso.

In pratica, lo stress ti fa diventare una preda facile per le pubblicità…
più o meno come un cicciolo di bambi per un branco di leoni affamati.

Ma se sei consapevole di questo rischio, puoi evitare gli acquisti di impulso con questi meccanismi di difesa:

fai una lista delle cose che ti servono o che desideri (si, proprio come la lista della spesa)… E poi rispettala come se fossero i 10 comandamenti scolpiti nella pietra

– quando trovi qualcosa che ti serve o ti piace, non comprarla subito, ma aspetta un paio di giorni.
Più la somma da spendere è grande, più ti conviene pensarci su.
Altrimenti rischi di fare un acquisto sull’onda del momento… e poi scoprire che non hai comprato la cosa giusta.

Ragionaci su a mente fredda e se sei sempre convinto, compra e goditi l’acquisto.

 

BUCO NERO nr. 3: gli interessi sui debiti

Fare un debito, anche se a interessi zero, è sempre un rischio enorme

Ma fare un debito e pagare anche gli interessi è come spararsi nelle palle e pregare di non colpire niente di importante: MOLTO RISCHIOSO.

Spesso infatti quando compri una cosa a rate il venditore ti nasconde apposta il prezzo finale comprensivo degli interessi.

Quindi ti dice solo:
“compra questa macchina favolosa, e invece di pagarla subito 30.000 € puoi pagarla in comode rate mensili da 439 €!”

quello che il venditore non ti dice, è che quelle rate finirai di pagarle tra 8 anni…
e che alla fine la macchina non l’avrai pagata (solo 30.000 €), ma 41.669 €….

Quando ti propongono le rate, scappa a gambe levate

 

La regola d’oro che uso io l’ho copiata direttamente da Jay-Z:

 

“se non puoi comprarlo due volte, allora non te lo puoi permettere”.

 

BUCO NERO nr. 4: l’inflazione

In parole povere, “inflazione” vuol dire che ogni anno la roba costa di più.

Ad esempio, se nel 2000 una pizza la pagavi 5 €, oggi la paghi 6 €, e tra qualche anno probabilmente la pagherai 7 €.

Ok, se pensi alla pizza non c’è poi tutta questa differenza sconvolgente…
ma non pensare alla pizza, pensa proprio ai tuoi risparmi:

se nel 2000 avevi 10.000 € duramene risparmiati sul tuo conto, oggi quei soldi in realtà valgono solo 7.500 €…
un bel 25% in meno!
In realtà sul tuo conto hai sempre 10.000 €, ma ci puoi comprare meno cose rispetto al 2000…

semplicemente perché quelle cose costano di più: insomma hai perso “potere d’acquisto”.

Come combattere l’inflazione?

Leggi il prossimo punto 😉

 

BUCO NERO nr. 5: il costo opportunità 

Se parcheggi i tuoi soldi sul conto corrente, non perdi solo “potere d’acquisto”…
ma perdi anche l’opportunità di investire quei soldi e farli aumentare, ad esempio investendoli in borsa o negli immobili o dove cavolo vuoi tu.

Questo si chiama “costo opportunità”.

Ecco che la soluzione per “l’inflazione” e per il “costo opportunità” è la stessa, e te la dico subito.

Lascia sul conto solo un certa somma (quella che ti serve per vivere, per fare fronte a delle spese future o impreviste…) e investi tutto il resto.

Ad esempio, se nel 2000 avessi investito quei 10.000 € nel mercato azionario al 5%, adesso sarebbero 27.000 €….
ma se invece non li hai investiti, ti trovi 10.000 € sul conto che però valgono solo 7.500 €….

Bello schifo, eh?

***

Lo so, l’idea degli investimenti ora ti sembra molto interessante…
e hai ragione, è un passo obbligato, anche solo per “conservare” il valore dei tuoi soldi….

Il problema però è che in giro ci sono un sacco di tizi che ti spiegano come investire e ti promettono mari e monti….
ma spessissimo le loro tecniche segrete per fare soldi sono solo un’enorme cazzata.

Come posso dire questo?

Perché ci sono già passato anche io e purtroppo ho sperimentato le loro tecniche sulla mia pelle (e sul mio portafoglio…)

Ed è proprio per questo motivo che ho creato la guida gratuita “distruggi la ruota del criceto con l’arma segreta del minimalismo”, dove puoi trovare tutte le bugie di questi “guru” ed evitare gli errori che ho fatto io e che ti succhiano un sacco di tempo e soldi proprio come un buco nero.


clicca qui per scaricare la tua guida gratuita

 

Memento mori
Mr. e Mrs. T-Rex
I ribelli del Minimalismo

***

Nessun guadagno è tanto sicuro quanto risparmiare ciò che si ha
(Publilio Siro)


Minimalista
in 30 giorni
con il metodo
del minimalismo
a colori

“I vostri articoli sono utilissimi, ma ce ne sono così tanti che non so da dove partire per diventare minimalista.
Cosa mi consigliate?”

Ecco, dopo più di un anno di duro lavoro abbiamo raccolto per te tutto quello che ti serve per diventare minimalista in questo percorso pratico step by step:

Clicca qui per iniziare il percorso


 

 

Un pensiero su “5 BUCHI NERI poco conosciuti che RISUCCHIANO I TUOI SOLDI come un pozzo senza fondo (e come tapparli per sempre)

  1. Pingback: L'arma che UCCIDE o SALVA le tue FINANZE se sei un minimalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *